Lavoro, immigrazione, sicurezza e tasse sono le priorità dei cittadini – ma solo tenendo conto del contesto ambientale sempre più critico sapremo affrontarle al meglio, ci avvertono i nostri scienziati.

I MAGGIORI SCIENZIATI ITALIANI DI CAMBIAMENTI CLIMATICI E AMBIENTE HANNO DECISO DI SCENDERE IN CAMPO, DANDO VITA AL COMITATO SCIENTIFICO DE “LA SCIENZA AL VOTO”.

Dati alla mano, gli scienziati ci mostrano che solo tenendo conto del contesto ambientale, che diventa sempre più critico, si possono trovare le migliori soluzioni ai problemi che affliggono il paese: il lavoro, l’immigrazione, la sicurezza, le tasse. Il comitato offre una serie di proposte concrete e alle recenti elezioni politiche, con una lettera aperta, ha invitato i partiti ad entrare nel dibattito.

L’invito è stato accolto per fortuna pienamente, e l’incontro tra il Comitato scientifico e tutte le forze politiche si è svolto domenica 18 febbraio 2018. In effetti, ferme restando differenze anche importanti tra i programmi dei partiti, programmi che potete trovare nei link sottostanti, il terreno comune è maggiore di quello che può essere apparso nella campagna elettorale.

Il comitato ha allora proposto alle forze politiche di firmare un accordo preelettorale trasversale, come è avvenuto nel Regno Unito alla vigilia delle elezioni del 2015, per tutelare il contesto ambientale in cui si trova il nostro paese, con alcuni punti specifici di azione. E l’accordo è stato firmato giovedì primo marzo 2018, presso l’Associazione della Stampa Estera, a Roma. “Siamo molto contenti che all’accordo abbiano aderito formazioni politiche di tutti gli schieramenti”, ha dichiarato Antonello Pasini, climatologo CNR e coordinatore del Comitato, “Fratelli d’Italia e Lega del centrodestra, Partito Democratico, +Europa e Insieme del centrosinistra, e anche Liberi e Uguali e potere al popolo!. Siamo in attesa dell’adesione del MoVimento 5 Stelle, il cui programma sembra coerente con i punti dell’accordo, e speriamo che anche Forza Italia voglia aderire, rendendo più specifico il suo programma, che su questi temi appare generico”.

Il comitato ha quindi lanciato la proposta di creare nelle prossime settimane un gruppo di lavoro che veda allo stesso tavolo gli scienziati e i rappresentanti di tutte le forze politiche: per lavorare, nel corso della legislatura, all’attuazione dei punti dell’accordo.

 

 

 

Puoi aiutarci a sollecitare la classe politica a tenere conto del contesto ambientale firmando la nostra

Se conosci un media che può essere interessato ad intervistare uno dei nostri scienziati puoi segnalarcelo!

Entra a fare parte della nostra comunità, mandaci le tue proposte politiche e immagina il futuro della community